Il trattamento minimo


 

- Il diritto a pensione
- Il calcolo della pensione

- Scarica i programmi

- Lavori usuranti
- Il trattamento minimo

Invalidità e pensione di inabilità

- Assegno di invalidità
- Pensione di inabilità

Contributi volontari e F. P. casalinghe

- Contributi volontari
- Pensione casalinghe

Ammortizzatori sociali

- Disoccupazione
- Integrazione salariale ordinaria
- Integrazione salariale straordinaria
- L'Assegno Sociale

Torna alla
 sezione INPS

- Clicca Qui


 

 

 

 


Il trattamento minimo è l'integrazione corrisposta al pensionato quando la sua pensione, derivante dal calcolo dei contributi versati, è di importo molto basso, al di sotto di quello che viene considerato il "minimo vitale".In questo caso l'importo della pensione viene aumentato ("integrato") fino a raggiungere una cifra stabilita di anno in anno dalla legge.

LIMITI DI REDDITO

L'integrazione è riconosciuta a condizione che il pensionato e l'eventuale coniuge abbiano redditi non superiori ai limiti stabiliti ogni anno dalla legge. 

L'integrazione al minimo spetta:

  • alle persone non coniugate oppure legalmente ed effettivamente separate che posseggano redditi propri, assoggettabili all'Irpef, per un importo pari al doppio dell'importo annuo della pensione minima Inps;
  • alle persone coniugate e non legalmente ed effettivamente separate che posseggano:
    • redditi propri per un importo non superiore al doppio dell'importo annuo della pensione minima Inps;
    • redditi cumulati con quelli del coniuge per un importo non superiore a quattro volte l'importo annuo della pensione minima Inps.

Per ottenere il trattamento minimo non si devono superare entrambi i limiti di reddito (personale e cumulato).

In particolare

  • Per le pensioni con decorrenza anteriore al 1994 si tiene conto soltanto dei redditi del pensionato;
  • Per le pensioni con decorrenza nell'anno 1994 si tiene conto sia dei redditi del titolare sia dei redditi cumulati con quelli del coniuge, che devono essere inferiori a cinque volte l'importo annuo della pensione minima;
  • Per le pensioni con decorrenza dal 1995 in poi il limite di reddito cumulato con quello del coniuge è pari a quattro volte la pensione minima Inps .

Redditi esclusi dal calcolo :

  • i redditi esenti da Irpef (pensioni di guerra, rendite Inail, pensioni degli invalidi civili ecc.);
  • i trattamenti di fine rapporto e le relative anticipazioni;
  • il reddito della casa di proprietà in cui si abita;
  • gli arretrati sottoposti a tassazione separata;
  • l'importo della pensione da integrare al minimo.

In particolare
La legge n.335 del 1995 esclude che si applichi ancora il beneficio dell'integrazione al trattamento minimo nel caso di pensione contributiva. Chi ha iniziato a lavorare per la prima volta dopo il 31 dicembre 1995 non può più avere la pensione al minimo: la rendita è rapportata ai contributi versati, senza alcuna integrazione.

 


   
[ Newsletter ] ][ Calcola la pensione ][Chi Siamo ][ Non solo pensioni][ Home Page]