Opzione donna, penalizzazioni ed amianto nella circolare 45 del 29/02/2016
 

 
Argomenti della rubrica

  Pensioni

- Clicca Qui

Lavoro

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Ammortizzatori sociali

- Clicca Qui

Disabili 

- Clicca Qui

Trattamento di fine rapporto

- Clicca Qui

Famiglia

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui


La Circolare INPS numero 45 del 29/02/2016  recepisce le novità in materia pensionistica contenute nella recente legge di stabilità .

Opzione donna:

La data del 31/12/2015 è da considerarsi quale termine entro il quale devono essere soddisfatti i requisiti contributivi e anagrafici per il diritto alla pensione di anzianità nel cosiddetto regime  sperimentale  opzione donna. 

Quindi tutte le donne nate sino al 30/09/1958, se lavoratrici dipendenti oppure sino al 30/09/1957 se autonome, possono accedere al regime opzione donna se in possesso dei requisiti contributivi,35 anni oppure 34 anni, 11 mesi e 16 giorni se dipendenti pubbliche .

La Circolare quindi recita:"Al riguardo, si invitano le Sedi a procedere alla lavorazione delle domande di pensione di anzianità in regime sperimentale presentate dalle lavoratrici che hanno perfezionato i prescritti requisiti entro il 31 dicembre 2015 e la cui decorrenza della pensione si colloca successivamente alla predetta data."

Penalizzazioni:

L'INPS, tramite la circolare 45/16 torna anche sulle penalizzazioni per i lavoratori e le lavoratrici che sono usciti con la massima anzianità contributiva, ma con un'età anagrafica inferiore ai 62 anni e prendendo atto che la legge di stabilità 2016 approvata il 28/12/2015 esclude l'applicazione delle penalizzazioni ai trattamenti pensionistici anticipati aventi decorrenza negli anni 2012, 2013 e 2014 con riferimento ai ratei di pensione a decorrere da 01/01/2016, dichiara che la ricostituzione pensionistica avverrà senza riconoscimento di interessi o arretrati .

Benefici amianto:

L'INPS, infine, ricorda che il nuovo termine per presentare domanda di accesso ai benefici per i lavoratori esposti all'amianto previsti è il 31/12/2016 .


Il commento:

Che dire ? ... Le norme diventano sempre più complicate ed il cittadino per essere sicuro di non sbagliare e di vedere riconosciuti i propri diritti deve ricorrere agli "esperti" .

Può fare ore di coda davanti agli sportelli INPS, ma non ne ricaverà un ragno dal buco !

Andate gente ... ! Andate dai patronati ! ... Sperando che anche questi non commettano errori !  



Rosario Franza

Puoi esprimere il tuo commento sul Libro degli Ospiti e sul blog "Oggi Parliamo di..."
 
       
 

 

   
[ Newsletter ] ][ Calcola la pensione ][Chi Siamo ][ Non solo pensioni][ Home Page]