La deroga alla legge Fornero per i quota 96 al 31/12/2012

 
Argomenti della rubrica

  Pensioni

- Clicca Qui

Lavoro

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Ammortizzatori sociali

- Clicca Qui

Disabili 

- Clicca Qui

Trattamento di fine rapporto

- Clicca Qui

Famiglia

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui


I lavoratori e le lavoratrici dipendenti del settore privato iscritti all'Ago e alle forme sostitutive della medesima e che al 31/12/2012 hanno almeno 60 anni di età,35 di contributi e raggiungono quota 96, possono conseguire il trattamento pensionistico anticipato al compimento dei 64 anni di età, in deroga alle norme della riforma Fornero .  
Ciò è previsto dall'articolo 24, comma-15 bis del Dl 201/2011 convertito con legge 214/2011 .
Anche il requisito anagrafico di 64 anni si adegua alla stima di vita Istat e pertanto, dal 2013, la pensione sarà conseguita in realtà a 64 anni 3 mesi e dal 2016 a 64 anni 7 mesi di età anagrafica.

Il vantaggio consiste in un anticipo della pensione di circa 2 anni e   non è previsto per i lavoratori del pubblico impiego, né i lavoratori autonomi.

L'Inps ha precisato che tale normativa è fruibile solo dai lavoratori che, alla data del 28 dicembre 2011, svolgevano attività di lavoro dipendente.
Pertanto i lavoratori disoccupati a tale data  sono esclusi dal beneficio, mentre non perdono il beneficio i lavoratori che, al 28 dicembre 2011, avevano una sospensione del rapporto di lavoro, come ad esempio, la cassa integrazione guadagni.


Il commento:

Sembrerebbe che la norma che consente di andare in pensione a 64 anni,invece dei canonici 66, sia stata sacrificata dal programma di calcolo dell'Inps "La mia pensione", che non consente di determinare l'uscita con tale speciale deroga .

E' una novità ? ... Sicuramente NO !

In un paese dove la normalità è un'eccezione, che un programma dell'INPS non preveda l'eccezione, mi sembra una cosa normale !

Ma davvero riusciamo ancora a stupirci ? Sembrerebbe di SI !

Dobbiamo sforzarci di considerare l'eccezione una normalità, infatti si fanno le leggi e poi si prevedono le deroghe, si fanno le leggi e poi si fanno altre leggi per ridurre le rigidità .
Si fanno le riforme delle pensioni, non per immettere giustizia nel sistema, ma per ridurre la spesa previdenziale .

Vi sembra un paese normale il nostro ?

Io ho perso la speranza che la normalità non sia un'eccezione !  

Possiamo eliminare i punti di domanda e di esclamazione ?...Anche su questo ho perso la speranza...

 



Rosario Franza

Puoi esprimere il tuo commento sul Libro degli Ospiti e sul blog "Oggi Parliamo di..."
        
 

 

   
[ Newsletter ] ][ Calcola la pensione ][Chi Siamo ][ Non solo pensioni][ Home Page]