Ancora Opzione donna !

 
Argomenti della rubrica

  Pensioni

- Clicca Qui

Lavoro

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Ammortizzatori sociali

- Clicca Qui

Disabili 

- Clicca Qui

Trattamento di fine rapporto

- Clicca Qui

Famiglia

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui


L'articolo 1, comma 281 della legge 208/2015 prevede che, nel caso in cui le risorse risultassero sovrabbondanti rispetto alle domande di pensionamento pervenute, gli importi risparmiati dovranno essere impiegati per proseguire, mediante l'emanazione di un provvedimento a carattere legislativo,la sperimentazione oltre il 2015. 

Entro il 30/09 di ogni anno, il Governo, sulla base dei dati rilevati dall'INPS, dovrà inviare una relazione alle Camere sulla possibilità di proseguire la sperimentazione nell'anno successivo .

Dato che dal 1° gennaio del 2016 l'aspettativa di vita si è incrementata di altri quattro mesi, per includere nell'opzione donna le nate nell'ultimo trimestre del 1958, la sperimentazione dovrebbe essere prorogata almeno fino al 31/07/2016 . 

Esempio: una lavoratrice dipendente nata il 15/12/1958 non possiede alla data del 31/12/2015 il requisito anagrafico di 57 anni e 3 mesi per poter accedere ad opzione donna . Lo maturerebbe il 15/03/2016 . Nel frattempo,però, dal 1° gennaio 2016 si è avuto un incremento dell'aspettativa di vita di altri 4 mesi e quindi il requisito anagrafico per opzione donna è diventato di 57 anni e 7 mesi che la lavoratrice del nostro esempio  maturerebbe il 15/07/ 2016 . 

I

Il commento:

In questi ultimi quattro anni il numero delle lavoratrici che ha aderito ad opzione donna è aumentato, anche se l'opzione determina un ricalcolo della pensione col sistema interamente contributivo con una  penalizzazione definitiva di circa il 30% rispetto al sistema misto .

D'altra parte le donne,se non hanno 41 anni e 10 mesi di contributi, per poter accedere al pensionamento devono avere, nel settore privato, 65 anni e sette mesi di età . L'unica flessibilità che hanno è opzione donna .

Sarei curioso di sapere se quel 30% in meno nella pensione che percepiscono recupera,nel tempo, il maggiore costo determinato da una uscita a 57 anni e 7 mesi . A occhio, avendo le donne una aspettativa di vita media di 80 anni, penso che si vada al recupero effettivo del maggior costo .

Sta di fatto che molte donne preferiscono una pensione più bassa che lavorare oltre i 65 anni !

Il Governo non può studiare forme di flessibilità adeguate ?
... Anche tenendo conto di un incremento occupazionale a fronte del pensionamento anticipato ?     


Rosario Franza

Puoi esprimere il tuo commento sul Libro degli Ospiti e sul blog "Oggi Parliamo di..."
 
       
 

 

   
[ Newsletter ] ][ Calcola la pensione ][Chi Siamo ][ Non solo pensioni][ Home Page]