I MEZZI DI TUTELA

 

 

 La Normativa sulle Pensioni

- Pensione Diretta
- Pensione di InabilitÓ
- Pensione di Privilegio
- Pensione ai superstiti
- Cumulo con redditi
- La tutela
- Statali  ParticolaritÓ
- Le pensioni CPUG
- Le pensioni INPS

 Scarica i programmi di calcolo della pensione

- Scarica i programmi

- Ricongiunzioni entrata
- Ricongiunzioni uscita
- Legge. 45/90 
- Totalizzazione Periodi

La Normativa sui Riscatti e Servizio Militare

- I Riscatti
- Servizio militare

I contributi 

- I Contributi
- Contributi Volontari

Torna alla Home Page

- Clicca Qui

 


 
Il pensionato ha tre possibilitÓ di tutelare i propri interessi quando ritiene che il provvedimento emesso dall'Ente Previdenziale sia viziato da errori di diritto, di calcolo o di altra natura :

il riesame amministrativo - art. 26, legge 315/67 ;

il ricorso al CIV - Comitato di Vigilanza;

il ricorso alla Corte dei Conti - T.U. approvato con Rdl 1214/34 e legge 19/94 .

Il riesame amministrativo

Pu˛ essere chiesto,con lettera raccomandata, dopo aver ricevuto il provvedimento; l' Amministrazione, ricevuta la richiesta di riesame, fornirÓ gli opportuni chiarimenti. In caso di ritardo nella risposta, la medesima pu˛ essere sollecitata ai sensi della legge 241/90 (trasparenza atti pubblici) e l'Amministrazione Ŕ costretta a rispondere entro 30 giorni dalla data del sollecito, inoltrato anch'esso a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno . 

Il ricorso al CIV   

DovrÓ essere inoltrato,a mezzo raccomandata postale, entro 30 giorni dalla data di notifica del provvedimento impugnato .

Pu˛ essere inviato alla Sede Territoriale INPDAP che ha emesso il provvedimento, Ŕ redatto in carta libera e sottoscritto dall'interessato o dal mandatario o rappresentante, al quale sia stato rilasciato regolare mandato .

Il ricorso alla Corte dei Conti   

Il ricorso sottoscritto dall'interessato o dal suo procuratore speciale, deve contenere:

  • le generalitÓ del ricorrente;
  • la residenza e il domicilio;
  • la precisa indicazione del provvedimento impugnato;
  • l'esposizione dei fatti ed i motivi del ricorso;
  • le norme ritenute violate .

Due copie del ricorso devono essere presentate all'Ufficiale Giudiziario per la notifica al legale rappresentante pro-tempore dell'exINPDAP .

Una copia sarÓ restituita al ricorrente, che dovrÓ presentarla o spedirla a mezzo lettera raccomandata, alla Sezione Giurisdizionale Regionale della Corte dei Conti ove il ricorrente ha la residenza .

La omessa o irregolare notifica rende il ricorso improponibile .

 

 

   
[ Newsletter ] ][ Calcola la pensione ][Chi Siamo ][ Non solo pensioni][ Home Page]